L’estate in città

L’estate in città

Restare mentre tutti sono in partenza e i negozi chiudono, restare a sopportare il caldo e destreggiarsi tra un impegno e l’altro, restare quando invece avresti solo voglia di andare.

Capita a tutti di passare un’estate in città, magari alleggerita da qualche gita fuori porta o da qualche fuga di ristoro e divertimento. Per me questa estate è tutta un impegno, e inizio ad accusarne i colpi.

Fino a che il caldo non è stato così persistente, non andava male, ma le temperature delle ultime settimane mi hanno messa a dura prova.

Così quest’anno più che pensare alla prova costume, cerco di sopravvivere alla miriade di impegni legati alla nuova casa (al momento ancora cantiere) trovando nuove soluzioni.

Prima di tutto cerco di combattere il caldo bevendo più che mangiando, a partire dalla mattina non mancano infusi ricchi di limone e zenzero, perfetti per equilibrare il sistema immunitario e tonificare, e continuo tutta la giornata con tisane rigorosamente fredde a base di zenzero, curcuma, ortica, betulla, finocchio. Il segreto è non mischiare, ma scegliere l’esigenza della giornata: ovvero se mi sento molto spossata ripiego su zenzero e curcuma, mentre se mi sento gonfia specie a mani e piedi preferisco infusi con betulla e ortica dall’azione drenante e purificante; infine per sgonfiare la pancia il finocchio in semi resta sempre la prima scelta. La scelta di uno smoothie per la cena, nelle giornate più calde è stata una salvezza per non appesantire il corpo, e idratarsi. In questo caso verdure e spezie sapientemente combinate regalano una fresca pausa dalla calura!

Seconda arma di vera sopravvivenza è lo shopping online, Westwing e Amazon per la casa, piccole realtà artigianali per il resto. E’ un modo per gratificarsi quando si ha poco tempo, comodamente dal divano di casa. IG resta la primaria fonte di ispirazione per gli acquisti, molti profili sono una sorta di negozio virtuale e per ora puntando ad un contatto diretto prima di acquistare, il risultato è sempre stato un pacco seguito da un mega sorrisone.

Terza ancora di salvataggio, la lettura. Nella mia lista di libri pronti per essere letti, molti sono a tema salute, ricette e sana alimentazione, altri sono romanzi. In particolare ho appena acquistato Il basilico di palazzo Galletti di Giuseppina Torregrossa, un romanzo ogni tanto ci vuole, porta la mente lontano dalla quotidianità, libera la creatività e nuove idee. Solitamente i romanzi li scelgo per la copertina e per il titolo, e finora hanno sempre riservato piacevoli sorprese.

basilico di palazzo g

Per quanto riguarda il tema food, green e lifestyle, vi segnalo nuovi titoli, molto interessanti:

La cuoca selvatica, di Eleonora Matarrese, edito da Bompiani.

Lei la scopriì tramite i social, per la sua attività Pikniq, un bistrot laboratorio di cucina wild. La incontrai a varie ferie del settore, e da allora seguivo con piacere e attenzione le sue ricette. Purtroppo Pikniq ha chiuso, ma sono stata felicissima nel ritrovare la cuoca selvatica in un libro, che racconta di ricette e piante selvatiche, in maniera scrupolosa. Eleonora Matarrese recconta l’arte del foraging, ovvero l’arte di raccogliere fiori, piante ed erbe selvatiche in maniera sicura per sè stessi e per l’ambiente, avvicinando ad uno stile green. Nel libro ci sono anche le ricette selvatiche, dal primo al dolce, tutte da scoprire, studiare e riprovare per imparare uno stile in cucina che apparentemente può sembrare nuovo, ma in realtà non è altro ciò che fecero le generazioni passate, fino forse a quella dei miei nonni.

la cuoca selvatica

Erbe spontanee, di Lorenza Dadduzio, Carlo Mininni e Massimiliano Renna, edito da  Feltrinelli/ Gribaudo.

Questa è la novità degli amici di Cucina Mancina, la più grande food community italiana, che accoglie chi mangia differente, ovvero vegani, vegetariani, intolleranti, sgluntinati ecc. Anche questo libro ha come tema la cucina con erbe spontanee, ed è un vero e proprio vademecum che contiene ben 74 specie di selvatiche selezionate, con le schede di approfondimento delle erbe più utilizzate e ben 60 ricette realizzate da 28 tra chef e blogger mancini, per poter portare a tavola il gusto e il brio delle spontanee in tutte le stagioni. In questo libro ti porteremo per mano nel mondo delle piante spontanee commestibili, aiutandoti a conoscere e ri-conoscere le erbe, i fiori, le bacche, i semi, i frutti, le radici, i bulbi e i tuberi che i nostri nonni raccoglievano per placare la fame e che potrai portare a tavola nella stagione più giusta, scoprendo quali parti sia meglio raccogliere e quali sia preferibile consumare crude o cotte. Il panino campestre all’asparago pungente e i biscottini al tarassaco mi hanno conquistata subito! Tutte queste ricette sono una ventata di bellezza per chi ha appena scoperto un’intolleranza e deve cambiare regime alimentare. Le ricette sono molto equilibrate e gli elementi spontanei ne fanno un vero e proprio esperimento salutistico!

Erbe-Spontanee 2

La Terra Non è mai sporca, di Carola Benedetto e Luciana Cilento, edito da Add Editore.

Questa è una lettura più impegnata, che però ha sempre come argomento di fondo l’amore per la Terra. Diversi professionisti tra cui scrittori, musicisti, monaci, artisti raccontano la loro idea di Terra. Ogni racconto ha un personale legame con la Terra, che diventa protagonista. Storie di mondi diversi accomunate dallo stesso filo conduttore. Vi consiglio di leggerlo con attenzione, racchiude una miriade di informazioni in un solo libro! E la copertina è pazzesca!

la terra non è mai sporca

Vegan Man, di Fabrizio Bartoli edito da Eifis Editore.

Chi non pensa alla forma fisica in questo momento? Questa lettura potrebbe essere la soluzione perfetta, per imparare dall’esperienza di un vero sportivo per lo più vegano.

Fabrizio Bartoli nel suo libro propone sia esercizi sia ricette per ogni tipo di sportivo, anche quelli alle prime armi, diversi  programmi di allenamento, ma ricette rigorosamente vegan. Come sempre Eifis riesce a veicolare nozioni tecniche in maniera molto semplice ed efficace, e le foto protagoniste del libro sono sicura ingolosiranno anche i più scettici. Punto di forza di questo libro è l’esperienza di un professionista,  spesso messa in disparte a favore della moda del momento. Per chi resta in città e ha voglia di rimettersi in forma, questo libro è un’ottima scelta per imparare in un solo colpo esercizi e ricette efficaci per un allenamento energico e produttivo.

vegan man

-E le buone maniere? Secondo me non se ne sa mai abbastanza e trovo molto  utile il nuovo libro di Csaba, Buone Maniere appunto.

Dalla tavola, a diversi momenti della giornata, Csaba in questo piccolo manuale ci guida allo stile contemporaneo con il suo indistinguibile charme. Un piccolo vademecum per sapersi comportare al meglio in ogni situazione. Secondo me un pò di cortesia in più farebbe bene a questa società dai ritmi furiosi. Io leggendolo sto imparando piccoli dettagli che avevo sottovalutato, e sono cotenta di aver imparato altre buone maniere.

Snello, una lettura diversa dal solito, che secondo me andrà rispolverata al momento del bisogno!

BuoneManiere-cover-RGB-1200x1611

 

Tutti i contenuti e tutte le foto protetti da copyright.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image