Meno pellerossa con Demakup

13 Febbraio 2020

Oggi sole e vento, domani chissà! Siamo a febbraio, è San Valentino ma il clima è decisamente primaverile. Questi continui shock termici mandano in tilt la natura, ma non solo. Da eterna pellerossa, in queste ultime settimane ho molta difficoltà a gestire la pelle delle parti più esposte, principalmente viso e mani. Sento che tira, ho i pomi rossi e sono screpolata a macchia di leopardo, insomma un disastro.

Lunedì ho messo la protezione solare e ho pranzato all’aperto grazie ai 19 gradi splendenti e raggianti. Martedì è arrivato un vento polare , per cui ho messo a raffica creme grasse per proteggere il viso. Gli sbalzi repentini di temperatura rendono difficile una beauty routine classica, in quanto ogni giornata è talmente diversa che devi essere pronta ad ogni situazione, un po’ come nella vita.

Non riuscendo a mantenere una costante nella skincare e avendo sempre meno tempo, ho però messo a punto un paio di efficaci soluzioni per non farmi trovare impreparata dal meteo. Per le pelli reattive le aggressioni esterne restano la causa principale degli arrossamenti, e non si può certo dimenticare l’inquinamento a cui siamo sottoposti ogni giorno.

Così avendo una pelle sensibile trovo molto sollievo dagli impacchi fatti con malva e camomilla. Tutti abbiamo in casa le classiche bustine da tisana di camomilla e qualcuno anche di malva. Io le ho nel mio giardino e le raccolgo fresche prima di usarle, ma anche le bustine sono un’ottima alternativa.  L’impacco va semplicemente lasciato sulla pelle del viso per almeno una decina di minuti, un paio di volte al giorno. Si realizza facendo bollire la malva o la camomilla, realizzando un infuso che si può  anche bere a colazione per sgonfiare la pancia. L’avanzo si conserva in frigorifero in una vasetto di vetro e si usa per intingere dei dischetti di cotone e realizzarne gli impacchi. Anche nei ritagli di tempo va benissimo, l’importante è essere struccate! E’ un ottima soluzione low cost per sfiammare la pelle arrossata e sentire immediatamente scomparire la sensazione delle guance che vanno a fuoco. Ovviamente anche il  tipico dischetto di cotone che uso per la mia pelle così reattiva non è scelto a caso. Dopo che me lo hanno fatto provare Demak ‘Up è diventato una presenza fondamentale nella mia beauty room (si perché il case è troppo piccolo, e ci ho dedicato praticamente una stanza a tutti i miei complementi di bellezza!)

 

Demak’Up seleziona le migliori qualità di fibre di cotone per creare falde di cotone dalle quali sono ritagliati i dischetti. Le fibre di cotone sono assemblate mediante un procedimento di “hydroliage”, che potremmo tradurre legatura ad acqua: una tecnica che intreccia le fibre della falda mediante getti d’acqua a forte pressione. Il cotone così trattato acquista resistenza e, soprattutto, evita la formazione di pelucchi.

Usando il dischetto per fare gli impacchi, se non fosse di qualità tenderebbe a sfilacciarsi e a riempire il viso appunto di pelucchi, il che non è il massimo se la pelle è già irritata.

Demak ‘Up Sensitive è decisamente il mio dischetto, prima di tutto perché è più grande e riesco a fare meglio i miei trattamenti.

 

 

Essendo specificamente formulato per le pelli più sensibili in effetti ha un ulteriore sprint in più, ed è molto confortevole anche per rimuovere il make up. E ricordatevi che struccarsi è fondamentale per mantenere la pelle in buono stato, specie se è del genere reattiva e ipersensibile. In ogni caso ogni pelle ha una sue esigenza e saperla rispettare è la chiave per la bellezza autentica!

 


 21 Giugno 2020     Beauty

Estate al sole ma protetta


 1 Giugno 2020     Beauty

Se vuoi puoi

No Comments

Post a Comment

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image