SAMSUNG CSC

Freddo, Fame, Felicità

Oggi è il 1 dicembre, e finalmente posso ufficialmente iniziare a raccontarvi delle mie prossime rubriche natalizie.

Da quando ho aperto questo blog, per gioco, come supporto alle pazienti, in realtà sono cambiate molte cose. E così quest’anno già a fine agosto, pensavo a cosa proporre dopo anni, che non fosse ridondante e noioso. Negli ultimi mesi, la mancanza della motivazione, alla base per fare bene qualunque cosa, sempre più rara nelle persone mi ha molto condizionata. Mai come quest’anno è follia, nel senso che lo stress e i ritmi di questa società moderna, probabilmente portano le persone a vivere di trasgressione e sregolatezze. E il cibo è in cima alla lista. E io lo so bene, visto il lavoro che faccio.

Così non potevo propinare il solito calendario dell’avvento con il mio entusiasmo tutto rosso natale, (svanito per il momento), ricco di consigli per restare in forma nonostante il Natale. E dopo averci pensato molto, raccogliendo il lavoro di un anno, nel quale si sono aperti nuovi orizzonti, ho un piano. Un immaginario percorso che ha come tema tre ingredienti principali: il freddo, la fame e la felicità.

Ho pensato di raccontarvi il freddo, ingrediente unico di questa stagione, che modifica un pò tutta la nostra quotidianità.

Poi la fame, altra protagonista indiscussa del Natale e di tutti i cenoni, al centro dei pensieri di quasi tutte le persone, più volte al giorno (e purtroppo nono solo in questo periodo).

Infine, la felicità, questa sconosciuta. Mai come quest’anno ho raccolto storie che spaccano il cuore, e di felicità secondo me non ce n’è mai abbastanza. Tutti impegnati nella soppravvivenza quotidiana, nella propria lotta quotidiana, ad essere la più bella e la più brava e a fregarsene degli altri.

Dosati per ognuno, in quantità diverse, ma comunque presenti, questi tre elementi raccontano la nostra vita in questo momento e per qualche mese.

E se questi ingredienti non ci fossero, come arrivarci ? Se tu sei felice, come regalare parte della tua felicità? Se tu sei consapevole che mangiare male ogni giorno, ti accorcia la vita, come aiutare chi non lo è a diventarlo? E come rispettare ciò che la natura impone, con i suoi nuovi ritmi tutti invernali?

Mi piacerebbe che attraverso una ricetta, o un consiglio, per  questo Natale si parlasse anche di questo, e cercherò di farlo a modo mio.

Un pò delusa dalle tendenze, dal continuo dover ribadire chi sono, per non essere rimpiazzata dopo due secondi, in ogni ambito, ma sopratutto in quello lavorativo, le riflessioni che porterò nei prossimi post sono tutte mie e nate dalle mia esperienza personale.

E voi, pensando a questi tre ingredienti, come raccontereste voi stessi?

Seguitemi per leggere storie uniche, ricette pazzesche e consigli veri per godersi la stagione del Natale al meglio!

Tutti i contenuti e tutte le foto protetti da copyright.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image