Campagna nastro rosa 2016

Campagna nastro rosa 2016

Ottobre è il mese rosa per antonomasia, il mese della campagna BCA,  Campagna Breast Cancer Awareness,  mirata alla lotta contro il tumore al seno e ideata nel 1992 da Evelyn H. Lauder, con il lancio dell’iniziativa Nastro Rosa, ormai simbolo universale per la salute del seno.

Durante questo mese sono molte le iniziative alle quali partecipano sia Brand appartenenti al mondo del beauty (Aveda, Clinique,Bumble&Bumble), sia delle associazioni di categoria (AIRC). Lo scopo è sensibilizzare le donne alle tematiche quali il cancro e l’importanza della prevenzione, e raccogliere fondi per sostenere la ricerca sceintifica, anche attraverso l’acquisto di prodotti prodotti dei brand del Gruppo Estée Lauder.

bca

In merito all’argomento vorrei darvi maggiori strumenti di informazione per ciascuna fascia di età, che corrisponde alle diverse fasi della vita di una donna. Ogni momento è carico di emozioni, vissuti e fisicità diverse ed uniche. Ed è bene che le donne siano informate e cresciute con la giusta consapevolezza e il giusto bagaglio di informazioni per saper affrontare in maniere adeguata ogni fase della vita.

Le mie pazienti sono per lo più donne, e spesso mi capita di affrontare insieme a loro percorsi a sostegno di malattie oncologiche, che si sa, arrivano come cicloni nella vita di chiunque. Dopo la prima fase di sbandamento, ci si butta a capofitto nelle terapie, pregando che funzionino, sperando che abbiano un esito positivo e definitivo, e ci si dimentica del resto. Dopo qualche mese succede che di colpo, ci si guarda allo specchio e non ci si riconosce più. La pelle è invecchiata, i capelli sono andati, il corpo si è trasformato. Oltre alle terapie mediche, è molto ma molto importante affrontare da subito tutto il percorso di cura con il giusto supporto nutrizionale. Purtroppo le terapie oncologiche mettono a dura prova l’organismo, e mangiare in alcuni casi diventa la salvezza. Il peso diventa un elemento fondamentale, in alcuni casi mantenerlo stabile diventa un’impresa impossibile, in altri non si riesce a frenare verso la sua ascesa inarrestabile.

In ogni caso, per qualunque tipo di cancro, l’approccio al giusto tipo di alimentazione quotidiana è fondamentale tanto quanto le terapie. La dieta diventa un’arma per riuscire a conservare energie, affrontare la malattia e la vita quotidiana con le giuste forze. La dieta aiuta a non perdere la propria vita, a farla rimanere il più possibile uguale a quella che era prima della terribile notizia. La dieta sarà un percorso, un continuo riarrangiamento per affrontare ogni fase nella maniera giusta. Le cure sono imprescindibili, ma il nostro corpo sottoposto ad enorme stress ha bisogno di nutrimento, e mai come per il paziente oncologico ciò che si mangia può influenzare il percorso della malattia. Un fisico debilitato, che negli anni ha abusato di prodotti animali, a discapito della fibra e di piatti salutari, affronterà con maggiore fatica tutto il percorso.

E ancora una volta vinta la lotta, il mantenimento del peso diventa un fattore di buona o cattiva prognosi, specie nel caso dei tumori femminili.

E la dieta ancora una volta può fare la differenza, cosa aspettate a provare?

Tutti i contenuti e tutte le foto protetti da copyright.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image